• Marzo 10, 2023
  • | 82
  • 0

Con le Campagne Ads punti sul presente, con la SEO hai un investimento a lungo termine, ma l’uno non esclude l’altra. Quali risultati puoi ottenere utilizzandoli entrambi?

Una volta deciso di portare la propria azienda sul web, il passo successivo consiste nel definire la modalità, la spesa e la strategia per la presenza online, e stabilire gli obiettivi e i risultati attesi. È importante distinguere tra SEO e SEA, ovvero le campagne pubblicitarie a pagamento.

La SEO mira ad ottimizzare il sito web per ottenere una migliore posizione nei risultati di ricerca, mentre la SEA va oltre, utilizzando metodi di pubblicità a pagamento come la PPC per attirare più visitatori al sito. Entrambe le opzioni sono essenziali per una campagna di web marketing e si integrano tra loro per coprire tutte le nicchie e le opportunità offerte dal mercato.

Google Ads punta sul presente, per conseguire gli obiettivi a breve termine

Il Search Engine Marketing (SEM) è una strategia di marketing che mira a ottenere una maggiore visibilità sui motori di ricerca, attraverso il traffico “gratuito” generato dalla SEO o il traffico a pagamento della SEA tramite pubblicità a pagamento.

Il principale strumento pubblicitario utilizzato per la SEA è Google Ads, che consente di mostrare gli annunci in una sezione dedicata dei risultati di ricerca di Google o di altri canali Google, pagando solo per i clic ricevuti sui propri annunci. La campagna di SEA più appropriata per apparire tra i primi risultati della SERP di Google è quella Search, ma ci sono molte altre tipologie di campagne Google Ads disponibili, tra cui Discovery, Display, Video e altre ancora.

Con il SEM, invece di cercare di classificarsi più in alto nei risultati di ricerca tramite la SEO, si acquista spazio pubblicitario nei risultati del motore di ricerca, pagando per apparire nella parte alta delle SERP dei motori di ricerca. Questo processo viene anche chiamato Pay-per-Click o PPC. Anche se Bing e Yahoo hanno un sistema simile, non hanno avuto lo stesso successo di Google Ads.

Il traffico generato dal SEM è considerato la fonte più importante di traffico sul web, poiché è altamente mirato. È noto che le persone utilizzano i motori di ricerca per trovare una soluzione a un problema, una risposta alla loro domanda o per apprendere qualcosa di nuovo. Quando i risultati della ricerca portano a un sito web o a un annuncio, le probabilità di conversione aumentano considerevolmente.

La pertinenza dei siti e degli annunci visualizzati rendono il traffico generato dal SEM più prezioso di qualsiasi altra fonte.

Basta avere un sito, un budget, un annuncio e si è subito competitivi sul web?

Anche le campagne PPC richiedono ottimizzazione e non sono così semplici come sembrano. Essendo una forma di posizionamento a pagamento, è essenziale lavorare su entrambi i lati, sia utente che algoritmo.

La coerenza tra tutti gli elementi della campagna è fondamentale: maggiore è la coerenza tra la query di ricerca, l’annuncio, le estensioni e la pagina di destinazione, maggiormente alto sarà il punteggio di qualità assegnato da Google e migliore sarà la risposta degli utenti. Per questo motivo, è indispensabile rendere l’annuncio e la pagina di destinazione convincenti per l’utente e pertinenti per le regole dell’algoritmo.

Inoltre, è importante mantenere un focus sull’obiettivo della campagna e sulla strategia scelta. Per quanto riguarda la gestione del budget, ci sono due tipi di strategie: quella automatica, in cui Google Ads decide quanto offrire per ogni clic in base all’obiettivo, e quella a CPC manuale, in cui il gestore della campagna modifica manualmente il CPC max.

SEO: l’investimento a lungo termine

La SEO consiste nell’ottimizzare il sito web per ottenere un maggior traffico organico dai motori di ricerca. Un sito web ottimizzato sarà più facilmente compreso dai crawler dei motori di ricerca, aumentando le possibilità di classificarsi più in alto nella SERP.

I risultati organici forniti da Google in risposta a ogni query sono considerati i migliori in termini di competenza e qualità delle informazioni rispetto alla ricerca effettuata dall’utente. Tuttavia, i risultati organici sono diventati più fluidi e flessibili nel tempo, cambiando in base agli interessi dell’utente, alla sua posizione, al dispositivo utilizzato, all’ora del giorno, al giorno della settimana, al tipo di ricerca e ad altri fattori.

Per ottenere buoni risultati con la SEO, è necessario che il sito sia gerarchicamente strutturato, sia nel codice sia nei contenuti, per essere gradito sia dai bot di Google che dagli utenti. Tuttavia, i risultati delle operazioni di ottimizzazione non sono immediati, poiché uno dei fattori di ranking organico è l’anzianità del contenuto. Quindi, potrebbe volerci del tempo prima che una pagina salga alle prime posizioni.

La qualità dei contenuti è fondamentale nella SEO, poiché l’algoritmo di Google valuta quanto è utile un sito in termini di User Experience per l’utente che effettua la ricerca. Inoltre, un altro aspetto cruciale considerato da Google è la presenza di link provenienti da siti esterni che rimandano al tuo sito. Quanto più prestigioso sarà il sito che ospita un link diretto al tuo, tanto più Google ti considererà autorevole.

Il consulente SEO procederà all’ottimizzazione del sito web e dei contenuti, dopo aver analizzato la concorrenza e il mercato. I risultati ottenuti con costanza e dedizione, per entrare nelle grazie di Google, si prolungano nel tempo e differiscono sostanzialmente tra SEO e SEA, ovvero tra SEO e Ads.

La SEO & Google Ads: l’una non esclude l’altra!

Come accennato in precedenza, ottenere un posizionamento naturale sui motori di ricerca richiede tempo. Se dobbiamo lanciare un nuovo prodotto, promuovere un evento imminente o rendere visibile immediatamente la nostra nuova azienda per acquisire autorevolezza, la SEO non è la soluzione ideale.

La scelta tra SEO e campagne Google Ads non è esclusiva, in quanto entrambi gli investimenti presentano vantaggi. Integrando le due forme di web marketing in una strategia unica, è possibile massimizzare i risultati. Una Web Agency competente e ben strutturata può consigliare alle aziende come distribuire il budget tra i due investimenti, sfruttando al massimo le potenzialità della SEO e delle campagne PPC:

  • La presenza web può essere affermata fin da subito, mentre si attende la crescita organica con la SEO;
  • Con le Ads, è possibile coprire le keyword per le quali non si è posizionati organicamente;
  • Quando lo stesso sito web appare contemporaneamente nei risultati a pagamento e in quelli organici per una determinata keyword, le statistiche dimostrano che aumenta la percentuale di clic/impressioni rispetto ai risultati singoli. Aumentare la presenza in una SERP attraverso tutti gli strumenti disponibili, aumenta la fiducia del cliente nel brand.

Quindi, come scegliere tra SEO e campagne Google Ads?

A questo punto avrai compreso cosa sia la SEO e come si differenzi dalla pubblicità a pagamento di Ads. È importante capire che la SEO non può essere trascurata nella tua strategia di web marketing, poiché rappresenta l’unico modo per assicurare una crescita a lungo termine ai tuoi siti web professionali.

Tuttavia, l’acquisto di traffico tramite Google Ads o Pay-Per-Click può essere un ottimo modo per massimizzare gli effetti della tua strategia di marketing. Questa forma di pubblicità porterà del traffico immediato al tuo sito web e, se la campagna viene ben impostata, darà alla tua azienda l’opportunità di emergere dalla concorrenza o di lanciare un nuovo prodotto o evento.

Le strategie da attuare variano a seconda degli obiettivi che si vogliono raggiungere, ma è importante che i contenuti siano di alta qualità e frutto di un’attenta analisi. Per questo motivo, spesso sarà necessario l’aiuto di professionisti.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *